lunedì 25 novembre 2019

TIBERINO DAL 1936, RISTORANTE, BISTROT, CAFFETTERIA, GELATERIA


Sono stata a cena da Tiberino dal 1936, sull’Isola Tiberina. Trastevere a due passi da  una parte, il Parco archeologico del Colosseo dall’altra, cullato dal fluire del Tevere, Tiberino, - Ristorante, bistrot, caffetteria e gelateria - sorge all'ombra della torre medievale "della Pulzella" dove è incastonata uno splendida volto femminile in marmo di epoca romana. 

Una bella vetrata, come un diaframma trasparente, mette in comunicazione visiva il locale con l’esterno: un grande bancone in legno, alle pareti lampade in ottone a forma di oblo, marmo e legno a terra, ricreano l’atmosfera di una nave. Articolato su due piani e con uno splendido dehor con il suggestivo affaccio su una delle piazze più antiche di Roma, Piazza San Bartolomeo.  


Tiberino nasce nel 1936 ed è il bar storico dell’Isola Tiberina, da sempre gestito dalla famiglia Bungaro. Fu Giuseppe, il nonno, ad aprire la bottega di caffetteria in via Ponte Quattro Capi; negli anni ’80. Alfonso, il papà, ampliò il locale, per trasformarlo in bar, gastronomia e tabaccheria. Nel 2002 viene aggiunta la gelateria da Giuseppe Bungaro, il nipote, insieme alla mamma Mirella. Nel 2015 Lo storico bar si rinnova e diventa bistrot, ristorante e gelateria artigianale. Aperto per colazione, pranzo e cena - dalla colazione fino al dopo cena – Tiberino  propone piatti di cucina romana in chiave innovativa con una grande attenzione alla qualità del servizio e della materia prima. 

Il nostro obiettivo è sempre stato la qualità fin da quando mio nonno aprì l’Antico Caffè dell’Isola nel 1936 – spiega Giuseppe– Nel 2015, dopo che negli anni la mia famiglia aggiunse al caffè la gastronomia e la gelateria artigianali, decisi di dare al locale un nuovo stile che ne esaltasse da un lato la sua storicità e dall’altro ampliasse la sua proposta culinaria. Così nasce Tiberino, punto di riferimento per gli amanti della buona tavola, della cucina italiana e romana in particolare.”  

La cucina del Tiberino è il luogo dove si sperimenta e, al tempo stesso, si mantiene salda la tradizione: la selezione delle materie prime, la ricerca dell’equilibrio, l’attenzione ai dettagli sono gli elementi che lo contraddistinguono. Il menu rispetta la stagionalità degli ingredienti e si arricchisce di proposte del giorno sempre sfiziose. I piatti ricercano sempre l’equilibrio tra creatività e genuinità dei sapori di una volta.
 
I piatti che ho degustato  fanno parte della tradizione romana, ma Tiberino ha un menù articolato con piatti di carne pesce e tanti contorni che rendono l’offerta ricca e allettante.
Eccoli:
Polpette al pomodoro, con  San Marzano, Parmigiano Reggiano e basilico, un gustoso salto nella mia infanzia, morbide e saporite, da mangiare una dietro l’altra senza dimenticare la scarpetta finale; 

Trippa alla romana con pomodoro San Marzano, Pecorino romano dop del Lazio, consistenza perfetta, delicata e gustosa;

Uovo barzotto, crema di Pecorino, guanciale croccante, ottimo piatto reso eccellente dalle uova di Biofarm di Arianna Vulpiani;

Cacio e Pepe, Spaghettone acqua e farina, pecorino romano DOP del Lazio, pepe selvaggio del Madagascar,
 
Amatriciana, Pacchero acqua e farina con pomodoro San Marzano, guanciale stagionato pecorino romano DOP del Lazio; pasta fresca fatta in casa e ingredienti selezionati con cura per un grande risultato; 



Carciofo alla giudia croccante e gustoso;
 
Puntarelle con le acciughe, tenere e croccanti,  biologiche e di stagione come tutte le verdure in menu.

In accompagnamento abbiamo bevuto un Silene Cesanese di Olevano Romano di Damiano Ciolli, piacevoli sentori fruttati, al naso, in bocca gusto fresco e equilibrato.

Non mi resta che tornare da Tiberino per provare gli altri piatti in carta!

Tiberino è in via Ponte Quattro Capi 18, Roma.   
Aperto tutti i giorni: 
Dal lunedì al giovedì: 06:30 – 23:30.   
Venerdì: 06:30 – 00:00.  
Sabato: 09:00 – 00:00.   
Domenica: 09:00 – 20:00. 

 Ufficio Stampa

Nessun commento:

Posta un commento