martedì 10 settembre 2019

PIZZA ROMANA DAY® 2019

Manca davvero poco alla seconda edizione del Pizza Romana Day®, l’iniziativa, organizzata da Agrodolce.it, in programma giovedì 12 settembre 2019. 
 
Un evento diffuso cui prenderanno parte decine di pizzerie, tra cui l’Osteria di Birra del Borgo, con Roma come logico teatro centrale ma con anche il Lazio e il resto d’Italia coinvolti nell’iniziativa. Tanti protagonisti resi partecipi quindi, per interpretare al meglio la vera star della giornata: la pizza romana, declinata nelle sue tre varianti, alla pala, in teglia e tonda. 
Si parte già dalla mattina perché, i romani ben lo sanno, questo è uno dei pochi prodotti che possono definirsi, senza tema di smentita, all day long. Buona per la colazione, adatta per una merenda o per un pranzo gustoso e, ovviamente, partner ideale per una serata “croccante”. E se la prima parte del giorno sarà dedicata alle versioni alla pala e in teglia, dal tramonto entrerà in scena la famosa tonda. E proprio per celebrare questa giornata speciale, la pizza romana il 12 settembre entrerà nei menu anche di quelle pizzerie che usualmente propongono stili differenti, che quindi per quella serata daranno vita a una sorta di limited edition. 
 
Nei menu di tutte le pizzerie selezionate ci sarà anche LISA, la lager di Birra del Borgo fatta con grano antico e scorza d’arancia. Italiana negli ingredienti e nel carattere a lei spetterà il compito di tenere alta la bandiera dell’autenticità e della qualità esaltando le caratteristiche della vera pizza romana e dei suoi ingredienti. LISA saprà ben accompagnare la più tradizionale tra le classiche romane, la margherita, ma anche la “Pizza 100% Lazio”, grande novità di questa edizione proposta in esclusiva per il Pizza Romana Day® dalle pizzerie aderenti e realizzata con prodotti provenienti unicamente dal territorio laziale. Tipicità ed eccellenze come il Prosciutto Amatriciano IGP, la Porchetta di Ariccia IGP, la Salsiccia di Marino, ma anche la Mozzarella di Bufala dell'Agro Pontino, l’Olio Extravergine di Oliva della Tuscia DOP o il Pomodoro Fiaschetto di Fondi. 
 
«Il Pizza Romana Day® - sottolinea Lorenza Fumelli, responsabile di Agrodolce.it e ideatrice dell’evento - è realcaizzato in collaborazione con la Regione Lazio e Arsial e ci è parso giusto far dedicare ad ogni pizzaiolo una ricetta realizzata unicamente con ingredienti laziali. Prodotti ad alto tasso qualitativo che aggiungono valore e gusto alla nostra iniziativa. I consumatori, oltre a “studiare da vicino” le varie declinazioni della pizza romana, potranno così scoprire diverse specialità e apprezzare meglio quelle che già conoscono. Invitiamo tutti gli appassionati a postare sui social network le foto delle proprie pizze 100% Lazio preferite, con gli hashtag #Pizzaromanaday e della pizzeria in cui si trovano».
 
L’inizio del Pizza Romana Day sarà celebrato presso L’Osteria di Birra del Borgo di via Silla (Prati) giovedì 11 settembre alle ore 11,15  con un evento di presentazione riservato alla stampa e agli addetti ai lavori e presentato dalla giornalista Eleonora Cozzella. In questa occasione il  padrone di casa, il pizzaiolo Luca Pezzetta, si cimenterà nella preparazione di una pizza 100% Lazio.
 
Il Pizza Romana Day® si svolge in collaborazione con Regione Lazio e Arsial. Media partner dell’iniziativa: Repubblica Sapori, Greenstyle, Radio Sonica. Partner tecnici: Antico Forno Roscioli, Alice Pizza. Sponsor: Birra del Borgo.
 
L’elenco delle pizzerie romane partecipanti è consultabile qui https://www.agrodolce.it/2019/09/03/pizza-romana-day-2019-le-pizzerie-dove-mangiare-a-roma/
 

mercoledì 14 agosto 2019

JACOPA RISTORANTE COCKTAIL BAR A ROMA


Jacopa ristorante & cocktail bar, aperto ad Aprile 2019 a Trastevere da Daniele Frontoni, propone cocktail interessanti e dinamici e una cucina attuale e creativa.
Jacopa  è  il  ristorante  e  cocktail  bar  sotto  l’Hotel  San  Francesco,  l’altra  mia  attività  aperta  18  anni  fa.   Non è  però  un  ristorante d’albergo.”  Specifica  il patron  Daniele.  “È una  proposta  divertente  e  nuova   che va  incontro  alle  esigenze dei  romani".
Alla guida del ristorante di Trastevere ci sono Jacopo Ricci e Piero Drago, due giovani chef con belle esperienze alle spalle:  “Io e Jacopo abbiamo lavorato nelle cucine del Ristorante Il Pagliaccio**- precisa Piero Drago - “Il nostro Maestro Anthony Genovese ci ha coinvolto  in vari progetti fino a che non abbiamo lavorato entrambi per  un anno da Secondo Tradizione”.    
Il menù di Jacopa propone piatti  con materia prima di qualità, “la nostra cucina vuole rispettare In primis l'ambiente cerchiamo di scegliere prodotti sostenibili o di piccoli produttori locali”- precisa Jacopo Ricci – “materie prime di stagione di cui vogliamo utilizzare tutte le parti evitando così gli sprechi” 

Da Jacopa è  possibile  infatti, sedersi  nell’intima  sala  del  ristorante  di   Trastevere  e scegliere  fra  Animelle,  carciofi e limone  o  Capesante,  vitello  e  salvia,  ma  anche  optare

per  le  paste  fatte  in  casa,  come  i  Ravioli,  manzo  cacao  e  parmigiano  o  le  Fettuccine, alghe  e  seppia.

Gli Antipasti vanno da € 16 a € 18 , le Paste a € 18 , i Secondi da € 24 a € 38 e i Dessert da € 10 a € 12 . I menu degustazione di 5 portate a € 50, con 3 calici in abbinamento (€ 75), con 5 calici (€ 85)

In  sala  Alessia  Sama  accoglie  il  cliente.   
La carta dei vini propone bottiglie italiane e straniere che vanno dei Rossi alle bollicine.



Nel cocktail bar, di cui è consulente Emanuele Broccatelli uno dei Bartender più apprezzati di Roma,  Cristian Straccia e Rebecca Sansone propongono la  drink list di Emanuele al bancone e nel Rooftop bar estivo di via jacopa de' Settesoli.
  
Nel cocktail bar, di cui è consulente Emanuele Broccatelli uno dei Bartender più apprezzati di Roma, Cristian straccia e Rebecca Sansone propongono la sua drink list al bancone e nel rooftop bar estivo di via jacopa de' Settesoli.
Il cocktail bar è aperto tutti i giorni, dalle 18:00 alle 01:00 del mattino, sul Roof top dell’Hotel con vista sulla città,  I Cocktail variano dai € 10 ai € 12 , i  finger food  € 5 il piatto di prosciutto o formaggio  € 10.



Jacopa  Ristorante e Cocktail bar

Via Jacopa de’ Settesoli, 7   00153 Roma

06 5809075


 Orari:

Ristorante: Lunedì– Sabato, 19.00 – 22.30

Cocktail Bar: Lunedì – Domenica, 18.00 – 01.00


Ufficio Stampa Beatrice Mencattini

 Tel 333.7351943 b.mencattini@gmail.com

martedì 13 agosto 2019

RISTORANTE RADICI - BORGO LA CHIARACIA RESORT & SPA

UN VIAGGIO NELLE ECCELLENZE DELL'UMBRIA ORCHESTRATE CON MAESTRIA DALLO CHEF STEFANO FAIOLI:  RISTORANTE RADICI

L’incantevole paesaggio, un quadro naturale che cambia con il trascorrere delle stagioni,  il comfort, le moderne tecnologie e la tranquillità di Borgo La Chiaracia Resort & SPA, un paradiso  di pace e silenzio nella campagna umbra, a Castel Giorgio, non sono tutto quello che il Resort offre. 

All’interno di Borgo La Chiaracia, di cui parlo qui, si trova il Ristorante Radici, aperto anche alla clientela esterna. Premiato col “Cappello” dell’Espresso nel 2018, è un luogo in cui le tradizioni culinarie si concretizzano in chiave moderna.

Il Ristorante Radici, di Borgo La Chiaracia, è un viaggio attraverso le eccellenze dell’Umbria, orchestrate con maestria dalle sapienti mani dello Chef Stefano Faioli, che fonde tradizione e innovazione, curiosità di sperimentare accostamenti inediti e tecniche moderne, in un viaggio sensoriale senza fine.

Ho provato il Ristorante Radici e ne sono rimasta entusiasta:  cura nella scelta delle materie prime, legate al territorio, capacità di valorizzarle rispettandole, attenzione alla stagionalità e  all’etica dei produttori. Lo chef è straordinariamente bravo,  capace di grande  equilibrio nelle preparazioni, unito ad una sensibilità artistica davvero notevole.
Lo chef Stefano Faioli ha una lunga esperienza alle spalle. Nato come pasticcere, ha precedentemente lavorato nelle cucine di hotel di lusso nel centro e nel nord della penisola. 


Grande è la professionalità  di tutto il personale di Borgo La Chiaracia e del Ristorante Radici, dall'accoglienza, alla cucina, alla sala.
La sala del Ristorante Radici  è grande e le finestre ad arco incorniciano il paesaggio, l’arredamento minimal e elegante. 

Mi siedo al tavolo e l'esperienza inizia, ho pensato di essere in una galleria d’arte dove, oltre agli occhi e all'anima, è coinvolto anche il palato: al posto delle tele i piatti, bellissime cornici, l’atelier è la cucina, i pennelli sono pinze e cucchiaie,  i colori sono le eccellenze del territorio e l’artista è lui, lo chef Stefano Faioli, sensibile, creativo, competente, amante della natura e con tanta passione. Un artista, che, come nelle botteghe rinascimentali, sa valorizzare il talento dei suoi allievi, e sì, perché la sua allieva Giada Bellaccini di talento ne ha, viso dolce ma occhi determinati, giovane ma con grande stoffa.

Maitre di sala è Cristiano Arlandini che con professionalità, cura e passione guida la sala del ristorante e che  ha presentato e descritto i piatti con competenza, raccontandoci i produttori locali.
Cristiano cura anche la carta dei vini, ricercata, raffinata, con tante etichette di tutta la penisola italiana e un bella selezione di vini francesi;  ha  creato ottimi abbinamenti con i piatti degustati.
La copertina dei menu del Ristorante Radici è un  piccolo capolavoro di artigianato: in cuoio, realizzata interamente a mano è opera della Bottega Conticelli. Il pane è preparato direttamente nelle cucine del ristorante  Radici, difficilmente  dimenticherò le brioche salate.

Iniziamo con il Benvenuto dello chef, qui si vede il pasticcere per l'estetica dei capovalori creati, la semisfera e un piccolo pasticcino dai sapori decisi e delicati, un ossimoro? Forse, ma certa è la  bontà! Eccoli.


Crocchetta di riso mantecato alle erbe di campo con crema al lime

Semisfera di piccione ed il suo quinto quarto cappato al vin Santo con nocciole e il suo prosciutto. 

Baccalà in tempura al nero con yuzu, su crema ai due peperoni e spuntoni di aglio nero. 

Carpaccio di trota salmonata marinata alla barbabietola con insalatina di mela verde e maionese al rafano.

Tartare di Gambero Rosso di Mazara del Vallo con lime e zenzero, stracciatella di burrata e passion fruit.


In abbinamento un Oltrepò Pavese Pinot Nero Spumante Bianco DOC Brut Biologico  Torre degli alberi 2014 – Metodo Charmat lungo, 6 mesi di affinamento sui lieviti, 100% Pinot Nero, fresco, elegante, piuttosto secco e intenso.

Continuiamo con l' Entrée

Salmone marinato in Oriente con panatura di petali di girasole, pan brioche ai semi di girasole, crema di semi di girasole, maionese al wasabi, caviale di soia e uova di salmone.

Passiamo poi agli Antipasti
 

“Dall'orto… al Piatto” diverse lavorazioni di verdure di stagione con i consistenze alternate, cotte, crude, marinate, crema bavarese, gelatina, su terra di cioccolato salato, un tripudio di colori, sapori e consistenze...Arcimboldo in cucina.

“Crudo di gamberi Rossi di Mazara”: code di gambero rosso di Mazara del Vallo crude con caviale di aringhe, insalatina di melone al Cardamomo, cetriolo marinato al Gin, gel di gin, yogurt di pecora e ceviche tropicale. La nota amara del gin contrasta piacevolmente con la dolcezza dei gamberi e la sapidità del caviale di aringhe.

“Tartare di Chianina” tartare battuta al coltello di razza chianina misto maremmana dell'azienda Podere Riccio, crema all'uovo senapata con gelato al pecorino; magra e gustosa la carne, fresco e sapido il gelato.

In abbinamento Cristiano ha scelto un Bardolino Chiaretto Monte dei roari 2017, dal colore Rosato, con riflessi aranciati,  agrumato e fruttato maturo,  sapido e piacevolmente equilibrato.

Arriviamo ai Primi

Mezzi paccheri di Gragnano “Pastificio dei Campi”: mezzi paccheri cotti al naturale con salse ai 5 pomodori, datterino giallo e rosso, Piccadilly, Pachino, e Fondanello;  dolcezze e intensità di gusto diverse delle varie tipologie di pomodoro.


Riso “Riserva San Massimo”: risotto Carnaroli mantecato al fumetto di pesce con gel di yuzu e zafferano, crema di pralinato di mandorle salate e capesante scottate.

Cottura del riso e delle capesante perfetta, esaltate dalle note aromatiche e acidule dello yuzo.




Casoncello di grano saraceno “Villa S.Ermanno”: casoncello di grano saraceno con farcia di faraona - azienda agricola “Il Fossile”-  crema di fieno e polvere di salvia 

Un Fremito Occhipinti Andrea e Danielli 2017 dal meraviglioso colore ambrato, pieno e caldo, quasi dorato con una buona mineralità ha accompagnato i piatti .

È la volta dei Secondi 
Trancio di Ombrina: trancio di ombrina cotto alla plancia con Baby ortaggi di stagione, purea di patate, servita con una crema di zuppa di pesce

Maialino cinturello orvietano “Urbevetus”, allevato allo stato semibrado e alimentato con granaglie macinate in azienda e frutta:   Lingotto di maialino Cinturello orvietano in selezione, cottura confit, accompagnato dalla crocchetta di testa in panura della medesima cotenna, consistenze di carote e gelato al rafano; la crocchetta geniale, gradevole e leggermente pungente il gelato al rafano.

Coniglio allevato a terra - azienda agricola “Il Fossile”: coniglio in tre cotture: il lombetto come fosse un fegatino - lardellato con una foglia di salvia -; la coscia fatta in porchetta ai profumi delle Erbe di campo; il tonno di coniglio mantecato alle olive taggiasche con chips di polenta; millefoglie di patate al finocchietto selvatico.
Cristiano ci ha servito un Valpolicella Classico La dama 2018 di un rosso rubino acceso con  note floreali, fresco e sapido.

Il  Predessert  Sorbetto di olivello Spinoso con crumble di cioccolato ci prepara ai  Dessert.


Cioccolato bianco: cremoso al cioccolato bianco, piselli sgranati in osmosi di zucchero, crema di piselli, spugna al Dragoncello con gelato al wasabi. Il piccante del wasabi, la moderata dolcezza dei piselli, l'aroma del dragoncello, la bellezza delle sfumature di verde… sorprendente.


“Territorio”: semifreddo al miele di Tiglio azienda agricola Rorwacher,  mantecato all’olio EVO “Sincero” di Marco Viola 2018, spugne di camomilla, perle di camomilla, meringa alla camomilla con cremosina di capra.

Nonostante il nome le api sono umbre! Nota balsamica del miele, acidità della cremosina e toni vegetali di cardo e  pepe nero dell’olio.

“Mandorla, Lavanda, Albicocca”:  torta Frangipane alla mandorla profumata alla lavanda, cremoso di latte di mandorla e di cioccolato, salsa e sorbetto di albicocca


“Ciliegia e cioccolato amaro”: Parfait di crema di latte con un cuore morbido di Kirsch, terra di cioccolato, cremoso di cioccolato fondente con sorbetto alla ciliegia. Emblema del Resort, la "chiaracia" di cioccolato amaro con la nota alcolica  del kirsh conquista al primo assaggio.



Per finire la Piccola pasticceria



Bicchierino con yogurt di pecora, pesche, gelatina di limone e bergamotto, crumble di yogurt



Bignè con cremoso al Lime



Gelatina di lampone con zucchero al pino mugo



Marshmallow al lime



Il viaggio è concluso, questo viaggio, perchè al Ristorante Radici il menù cambia ma la filosofia rimane la stessa.


Ristorante Radici
Borgo La Chiaracia Resort & Spa
Località Borgo La Chiaracia snc
05013 Castel Giorgio (TR)
T +39 0763 627123