venerdì 16 ottobre 2015

MUFFIN CON SUCCO DI MIRTILLO FRUTTOSIO E NOCCIOLE E IL PICNIC Nàttùra A VIA MARGUTTA




L’appuntamento è in Via Margutta 33,  per un “Picnic” organizzato da  Nàttùra.
Il rigoroso prospetto su  via Margutta  non rivela la complessa  architettura  interna, fatta  di scale ripide, giardini interni, ballatoi e studi  dalle grandi vetrate che si affacciano verso il Pincio. Siamo negli  Studi Dovizielli”, nati nel 1800 dall’accorpamento e  ristrutturazione delle casette, con il giardino proteso verso il Pincio, già presenti nelle piante  cinquecentesche. Di studi ne rimangono ben pochi perchè sono stati trasformati in residenze. Ma in questi studi vissero e lavorarono molti artisti, pittori e scultori famosi, certo, ma anche scrittori come Alfonso Gatto, Sibilla Aleramo, Liala e Truman Capote scrittore e sceneggiatore americano. Strane coincidenze , Truman Capote è l’autore di “Colazione da Tiffany”  che, nella trasposizione cinematografica fu portato al successo da Audrey Hepburn, protagonista anche di Vacanze Romane”,  che fu girato proprio nel palazzo accanto. Ma si sa qui arte, letteratura, cinema sono ovunque, anche Blasetti e Fellini vissero  negli “Studi Dovizielli”
Via Margutta fu anche testimone di un pezzetto del lungo e proficuo percorso artistico di  Picasso, che qui dipinse due importanti capolavori, progettò le scenografie e i costumi di Parade - il primo balletto cubista -  consolidò i rapporti con i futuristi e …forse mi sto dilungando troppo! 
Ho molto apprezzato - si capisce vero?- che il PICNIC  Nàttùra, si svolgesse in un luogo dove arte e storia trasudano da  ogni pietra. All’intero di uno degli ex Studi Dovizielli, ora trasformato in un moderno e accessoriato appartamento, Roman Holiday, incontriamo lo chef Giuseppe Capano,  per un Picnic” organizzato da  Nàttùra


Nàttùra, orientata ad un’alimentazione di qualità e naturale, ha una vasta linea di  prodotti, biologici, adatti alle diverse esigenze dietetiche e attenta alle intolleranze alimentari. Noi li abbiamo provati, divise in aree di lavoro e sotto la guida dello chef Giuseppe Capano. Lo chef "ha sviluppato e creato una sua personale e specifica linea di cucina caratterizzata dall'uso intensivo e ampio di verdure, legumi, cereali e frutta, ricercando quando opportuno e relazionato alla salute, soluzioni culinarie nell'abbinamento tra il mondo vegetale e quello di mare". Abbiamo preparato tanti piatti appetitosi e colorati  con gli ottimi  prodotti che Nàttùra ci ha messo a disposizione. Ricette semplici  a base di verdure e ortaggi all’insegna del  buono e sano.

Eccole:
Crema di patate e porri con pane azzimo croccante e gomasio
Fusilli tricolore con zucchine, pomodori, peperoni e semi di papavero
Millefoglie di pane azzimo in sfoglia croccante e mousse di avocado all'erba cipollina
Pomodori ripieni con riso 3 continenti, fagiolini, patate, olive e maionese di riso
Triangolini di piadine alle due creme vegetali di carote e di ceci
Spicchi di mele allo sciroppo di riso amaranto soffiato e cioccolato
Muffin con succo di mirtillo, fruttosio e nocciole


E questa è una delle ricette che ho di nuovo preparato a casa
  Muffin con succo di mirtillo, fruttosio e nocciole



Ingredienti per 4 persone
40 ml di olio di riso
4-5 cucchiai di Fruttosio Liquido Náttúra ( o sciroppo di avena o di riso)
60 g di farina di riso
30 g di maizena (amido di mais)
40 g di nocciole sgusciate e tostate
5 g di lievito per dolci
40-50 g di cioccolato bianco ( fondente o cioccolato di soia bianco)

Procedimento
Frullare per 1-2 minuti il Nettare di Mirtillo,  l'olio e il Fruttosio , setacciare insieme la farina di riso, la maizena e il lievito per dolci.
Versare gradualmente sulle parti secche il composto liquido mescolando con una frusta fino a ottenere un impasto consistente, completarlo con le nocciole frullate e se necessario ammorbidirlo con un altro poco di Nettare di Mirtillo.
Riempire degli stampini da muffin oliati e infarinati, oppure in stampini in carta monouso, cuocere in forno a 180 gradi per 15-20 minuti circa, raffreddare e macchiare con il cioccolato sciolto a bagnomaria colato a filo.
Gli ingredienti usati sono tutti gluten free, per essere utilizzati dai celiaci devono riportare la dicitura in etichetta.






mercoledì 7 ottobre 2015

LASAGNETTA CROCCANTE CON GALLETTI E ZUCCHINE


Quando sono entrata a casa ho sentito un profumo conosciuto, di bosco... poi l'ho visto, in tutto il suo splendore, il frutto di una passeggiata nel bosco, un cesto colmo di funghi dai colori stupendi. L'arancio dei galletti e degli steccherini dorati, il viola delle russule cyanoxanta, il bianco screziato di marrone rosato delle mazze di tamburo e le diverse sfumature di bruno dei boleti: i colori dell'atunno e un po' di bosco erano lì!

Dopo lo stupore, quest'anno i boschi della nostra regione sono stati un po' avari nella produzione di funghi, ho pensato ai piatti che avrei potuto preparare. Ho iniziato con i galletti, i miei preferiti, per preparare  la lasagnetta di Paolo Donei.

Ingredienti

per la sfoglia
500 g di farina 0
150 g di acqua
60   g di olio extra vergine di oliva
1 tuorlo
1 rametto di rosmarino


per il condimento
500 g di galletti (cantarellus cibarius)
300 g  di panna
150 g di parmigiano reggiano 24 mesi
75 g di burro
1 spicchio di aglio
q. b. di salvia
q. b. di erba pepe (maggiorana)
q. b. di sale

procedimento
sfoglia
Lavare e asciugare il rosmarino, sfogliarlo e tritarlo molto finemente. Impastare la farina con l'uovo, l'acqua il rosmarino tritato e l'olio, lasciando 10 g di olio per spennellare, fino ad ottenere una pasta liscia ed uniforme; formare una palla e lasciar riposare, coperta a campana, per almeno 30 minuti.
Tirare  la pasta a strati, spennellandola con l’olio, fino ad ottenere una sfoglia uniforme di circa 3 mm di spessore; coppare dei dischi di circa 7 cm di diametro, disporli sulla teglia coperta di carta forno unta e spennellarli con l’olio. Coprire e lasciare riposare per 20-25 minuti.Cuocere in forno caldo a 180° per circa 6 minuti.
condimento
Pulire i funghi e lavarli eliminando ogni traccia di terra. Tagliarli a pezzi non troppo piccoli perchè in cottura si riducono, e saltarli in una padella molto calda con poco olio e lo spicchio d’aglio, salare a inizio cottura. 
Lavare e spuntare le zucchine; dividerle almeno a metà e tagliarle a fiammifero, saltarle in una padella molto calda con poco olio, salare e aromatizzare con l'erba pepe.  Unire i funghi dopo aver tolto l'aglio, mescolare e continuare la cottura ancora per un minuto.
In un pentolino far sciogliere il burro, unire le foglie di salvia e farle appassire, ne serviranno 6 grandi,  aggiungere la panna e portare a leggera ebollizione. Togliere le foglie di salvia e unire il parmigiano grattuggiato mescolando con una frustina. Deve risultare una crema liscia, se serve passare al mixer.

Comporre il piatto alternando tre dischi di pasta croccante con la fonduta di parmigiano e i finferli con le zucchine. Completare con una foglia di salvia e un rametto di erba pepe.