giovedì 23 luglio 2015

MOUSSE GHIACCIATA ALLA CILIEGIA, SEMIFREDDO AL PISTACCHIO E CROCCANTINO ALLA MANDORLA

Un bicchiere con Mousse ghiacciata alla ciliegia, semifreddo al pistacchio e croccantino alla mandorla è un dolce epilogo per un pranzo estivo o per una pausa  pomeridiana in questa estate così calda.
Sembra  laborioso dal titolo e in effetti necessita di un po' di tempo ma si può preparare con largo anticipo, conservare nel freezer il bicchiere di Mousse ghiacciata alla ciliegia, semifreddo al pistacchio e servire, appena tolto dal freezer, dopo averlo decorato col croccantino alla mandorla che si  conserva in un barattolo chiuso. Inoltre, sia la mousse che il semifreddo hanno come base la meringa italiana, quindi unica preparazione per tutti e due; un po' di crema pasticcera per il semifreddo  e una  semplice purea di ciliegia per la mousse a cui aggiungere la panna, meno complicato del previsto! Il croccantino si conserva e sarà ottimo su pannacotta, gelato, creme e tutto quello che la fantasia suggerisce. Le ciliege non sono fuori stagione, non ci sono scuse, al mercato è  possibile trovare le ciliegie tardive del Trentino, rosse e succose, che maturano fino ad agosto.
Le basi sono di Leonardo Di Carlo....una garanzia!

Allora lo prepariamo questo bicchiere con Mousse ghiacciata alla ciliegia, semifreddo al pistacchio e croccantino alla mandorla? 


Ingredienti per 8-10  bicchieri

per la  mousse ghiacciata alla ciliegia
200 g di meringa italiana
200 g di purea di ciliegie
200 g di panna semimontata

per il semifreddo al pistacchio
160 g di crema pasticcera
80   g di pasta di pistacchio
160 g di meringa italiana
260 g di panna semimontata
  
 per la crema pasticcera
150 g di latte intero
3  g di panna
una puntina di bacca di vaniglia
buccia di limone grattugiata fine
45   g di zucchero
45   g di tuorli
14   g di amido di riso

 per la meringa italiana:
70  g acqua
225 g zucchero
60   g destrosio (ho usato lo zucchero)
120 g albumi
per il croccantino alla mandorla
75  g di zucchero
75  g di mandorle in polvere
75  g di burro
75  g di farina

Procedimento 
 
crema pasticcera
Mettere a scaldare in un pentolino  il latte, la panna, i semini della vaniglia, la buccia di limone e metà dello zucchero. Nel frattempo fare una pastella con l' amido, lo zucchero, i tuorli e mescolare fino ad avere un composto liscio. Quando il latte arriva a bollore stemperare il composto con un po' di latte, unire al resto del latte e cuocere sul fuoco dolce, mescolando con una frusta a fili sottili, fino a 85°C. In mancanza di termometro fare la prova cucchiaio, quando la crema lo velerà sarà pronta. E' importante non superare gli 85°C per evitare il retogusto di uovo troppo cotto. Versare la crema in un contenitore ben freddo, coprire con la pellicola a contatto e freddare.

meringa italiana:
Cuocere sul fuoco a 121°C l'acqua con la prima parte di zucchero, quando arriva a 115°C iniziare a montare gli albumi con il restante zucchero.
Unire a filo lo zucchero cotto a 121°C e montare fino a raffreddamento.
E' opportuno utilizzarla subito per evitare che perda volume e struttura.
  
mousse ghiacciata alla ciliegia
Mescolare delicatamente la meringa con la purea di ciliegie, aggiungere  la panna semimontata continuando a mescolare  sempre delicatamente dal basso verso l'alto. Versare nei bicchieri mettere subito in freezer. 

semifreddo al pistacchio
In una ciotola  amalgamare bene la crema pasticcera fredda e la pasta dipistacchio, unire poi la meringa italiana mescolando  delicatamente  dal basso verso l'alto, aggiungere infine la panna semimontata continuando a mescolare  sempre delicatamente dal basso verso l'alto. Riempire gli stampi a semisfere e mettere subito in freezer. Una volta congelate  unirle a due a due per formare una sfera e metterle nei bicchieri sopra la mousse ghiacciata di ciliegia. 

croccantino alla mandorla
In una ciotola mescolare bene la farina, le mandorle in polvere e lo zucchero. Unire il burro e impastare come per una frolla. Stendere il composto tra due fogli di carta forno ad uno spessore di 3 mm. Cuocere in forno a 150°C, fino a raggiungere una coloritura nocciola (nel mio forno circa 20 min.).
Far raffreddare e tritare.
In alternativa si può sbriciolare l'impasto sulla carta da forno e cuocere a 160° per circa 15 minuti. Si conserva in un contenitore ermetico al fresco.
 
Montaggio
Togliere i bicchieri dal freezer decorare con il croccantino alle mandorle, qualche pistacchio e un cucchiaio di ciliegie snocciolate, tagliate a metà e spadellate con un cucchiaio di zucchero. Il tempo della decorazione permetterà di raggiungere la temperatura ideale di servizio -10/-15°C.
Senza fare la semisfera si possono semplicemente stratificare le due preparazioni nei bicchieri o metterle vicine.
 






 


mercoledì 22 luglio 2015

Contest Fotografico “un panino e ‘na biretta”



 
Contest Fotografico
 “un panino e ‘na biretta

A chi dice “adoro i panini...la vita è più bella tra due pezzi di pane!”, noi rilanciamo “sì, ma accompagnato da ‘na biretta fresca!”
Questa estate, per tenervi compagnia, dar Ciriola e Civico d.o.c, lanciano un Contest Fotografico dedicato a “un panino e ‘na biretta”.
Mare, montagna, lago, campagna o città, qualsiasi posto è perfetto per mangiare e fotografare panino e biretta preferiti!

Il concorso è aperto a tutti gli amanti della fotografia che si dilettano con la macchinetta digitale, reflex, smartphone o iPad.

Se l’idea vi mette appetito e stimola anche la vostra creatività, leggete il regolamento e partecipate!

Art. 1 – Bando
Il contest fotografico è organizzato da dar Ciriola e Civico d.o.c. per svago e divertimento artistico e culinario.

Art. 2 – Tema
L’iniziativa invita a raccontare, attraverso immagini fotografiche, il piacere di mangiare “un panino e ‘na biretta”!

Art. 3 – Modalità di partecipazione
La partecipazione al contest è gratuita e aperta a tutti gli appassionati di fotografia di maggiore età.

Art. 4 – Caratteristiche tecniche delle immagini
Ogni autore può partecipare con una sola fotografia, rigorosamente inedita, in b/n oppure a colori, con inquadrature sia verticali che orizzontali. La risoluzione di ciascuna foto deve in formato JPEG (.jpg). Non sono ammesse opere interamente realizzate al computer, fotomontaggi, foto con firme o watermark. Ogni immagine deve essere rinominata prima dell’invio secondo lo schema COGNOME_NOME (es. Rossi_MARIO.jpg). Le immagini non conformi alle specifiche non verranno prese in considerazione.
Il soggetto principale della foto dovrà essere il PANINO e la BIRRA.
Loghi e Brand NON devono essere in primo piano nè riconoscibili nella fotografia.

Art. 5 – Modalità e termini di consegna del materiale
La fotografia dovrà essere inviata via email all'indirizzo civicodoc.contest@gmail.com entro e non oltre il 30 settembre 2015 (farà fede la data della mail) e nel testo della mail dovranno essere specificati NOME, COGNOME E CITTA’ DI DOMICILIO. L’organizzazione non risponde di eventuali disguidi relativi ad email non giunte a destinazione per motivi di natura tecnica.

Art. 6 – Giuria
La Giuria sarà composta da esperti e appassionati del settore.
Le immagini verranno giudicate in forma anonima per la loro creatività ed originalità, per come interpretano il tema proposto, per la qualità tecnica ed estetica e per la loro capacità espressiva. L'operato della Giuria è inappellabile e inoppugnabile.

Art. 7 – Premi e Comunicazione dei risultati
La Giuria premierà le 20 foto più belle e i vincitori del concorso verranno informati tramite email.
Le 20 foto vincitrici verranno esposte a Roma nell’ambito di una mostra curata appositamente per il Contest presso la sede del Pigneto di dar Ciriola. I premi dei primi 3 vincitori verranno comunicati in seguito.

Art. 8 – Condizioni di partecipazione e Responsabilità dell’autore
L’autore con la partecipazione al concorso si assume la responsabilità di aver letto il regolamento e di accettarne le condizioni, ai sensi dell’art. 13 D.lgs. 196/2003, in particolare riguardo ai diritti riconosciuti dalla legge ex art. 7 D.lgs. 196/2003. Ogni partecipante, nel momento stesso in cui trasmetterà i propri lavori, implicitamente solleva gli organizzatori dalle responsabilità collegate. Autorizza dar Ciriola e Civico d.o.c. ad utilizzare le fotografie inviate per promuovere il concorso e l’evento ad esso collegato sia in forma cartacea che telematica. Gli organizzatori infine si impegnano al rispetto della legge sulla privacy e alla corretta gestione dei diritti delle immagini.

Art. 9 – Tutela della privacy
Ogni partecipante è personalmente responsabile del materiale presentato, pertanto s’impegna ad escludere ogni responsabilità civile e penale degli organizzatori nei confronti di terzi, compresi eventuali soggetti raffigurati nelle fotografie. In particolare dichiara di essere unico autore delle immagini inviate e che esse sono originali, inedite e non in corso di pubblicazione, che non ledono diritti di terzi, e che, qualora ritraggano soggetti per i quali è necessario il consenso o l’autorizzazione, egli l’abbia ottenuto. In nessun caso le immagini inviate potranno contenere dati qualificabili come sensibili o ritrarre minori per cui non si abbia il consenso da parte dei genitori o tutori legali. Gli organizzatori si riservano, inoltre, di escludere dal concorso e non pubblicare le foto non conformi nella forma e nel soggetto a quanto indicato nel presente bando oppure alle regole comunemente riconosciute in materia di pubblica moralità, etica e decenza, a tutela dei partecipanti e dei visitatori. Non saranno perciò ammesse le immagini ritenute offensive, improprie e lesive dei diritti umani e sociali. I dati personali forniti dai concorrenti saranno utilizzati per le attività relative alle finalità istituzionali o promozionali della manifestazione, secondo quanto previsto dal D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196.

Art. 10 – Accettazione del regolamento
La partecipazione al concorso implica l’accettazione integrale del presente regolamento.

Per info:
Civico d.o.c. e dar Ciriola

Pagina evento:



sabato 11 luglio 2015

CONFETTURA DI CILIEGIE "CERASE" ROSSE E SUCCOSE




Dopo una giornata passata a Sezze, a casa  di amici dalla grande ospitalità, sono tornata con un bel cestino di "cerase", ciliegie rosse, mature e succose, che ho raccolte direttamente dall’albero. Questi frutti sono deliziosi, peccato che si trovino per un periodo piuttosto breve, come fare per poterli assaporare più a lungo? Trasformarle…. ecco allora la confettura di ciliegie, il semifreddo,le ciliegie sotto spirito e  il ciliegino, un liquore buonissimo!
Questa è la ricetta della confettura di ciliegie.
.
L’ideale è lavorare la frutta poche ore dopo la raccolta, cosa non sempre possibile, una volta comprata però è meglio utilizzarla subito. L’aggiunta della mela, io ho usato la Granny Smith, serve a compensare la scarsità di pectina della ciliegia. L’aggiunta del limone serve ad attivare la pectina e quindi a consentire la gelificazione.
La preparazione di questa confettura prevede due cotture intervallate da un riposo: la prima, molto veloce, avviene dopo una breve  macerazione della frutta con lo zucchero, la seconda dopo un lungo riposo al fresco

Per sterilizzare i barattoli ci sono vari metodi, ne riporto due.
Sterilizzazione in pentola
Lavare bene i barattoli, metterli in una pentola larga insieme ai coperchi e versare acqua fino a coprirli di almeno 2-3 cm. Portare a ebollizione e far bollire per circa 30 minuti. Estrarre i barattoli dalla pentola usando una pinza e metterli capovolti su un panno pulito, dopo capovolgerli  in modo che evapori l’umidità residua.
Sterilizzazione nel forno a microonde
Mettere  i barattoli, senza tappo, con all’interno  acqua per circa un terzo, nel forno a microonde. Avviare alla massima potenza per un paio di minuti, fino a ebollizione e poi procedere come per la sterilizzazione in pentola.

CONFETTURA DI CILIEGIE
Ingredienti
per la confettura
1000 g di ciliegie
600   g di zucchero
250   g di succo di mela
30     g di succo di limone
per il succo di mela
500 g di mele Granny Smith (circa 2)
500 g di acqua

Procedimento
succo di mela
Lavare le mele, tagliarle in quarti senza sbucciarle  e metterle in una pentola con l’acqua. Far bollire a fuoco moderato per 30 minuti. A fine cottura passare al chinoise (è un passino conico) premendo bene con il dorso di un cucchiaio, se si vuole un succo più chiaro si può filtrare nuovamente lasciando colare il liquido.. Questo composto si può conservare in freezer e utilizzare, quando serve, cuocendolo insieme alla frutta dopo averlo fatto scongelare.
confettura
Dopo aver lavato  e asciugato le ciliegie, snocciolarle e metterle in una pentola insieme allo zucchero, mescolare bene, coprire  e mettere in frigorifero. Dopo un’ora circa portare a leggera ebollizione e poi far raffreddare per tutta la notte. Il mattino successivo mescolare le ciliegie con la mela già cotta e cuocere, mescolando spesso,  fino a raggiungere la consistenza desiderata e unire il succo di limone. Per controllare la consistenza basterà mettere un cucchiaino di confettura su un piattino freddo, se scorre molto lentamente è pronta. Mettere subito nei barattoli di vetro sterilizzati ed asciutti , chiudere immediatamente con il coperchio, capovolgerle e lasciare raffreddare per creare il sottovuoto. E’ importante che i barattoli vengano chiusi prima che la temperatura della confettura si abbassi  sotto agli 85°, Nel caso in cui la confettura si raffreddasse durante l’invasamento è meglio mettere i barattoli chiusi, per cinque minuti, nel forno a 100°.