giovedì 28 marzo 2013

La pastiera


Sembra siano state le monache, forse dell'antico convento napoletano di San Gregorio Armeno, ad inventare la Pastiera, dolce simbolo della Resurrezione. Era preparato con il grano e le uova, simbolo di nuova vita,con l'acqua di fiori d'arancio, in omaggio alla primavera, e con il cedro candito proveniente da zone vicine alla Terra santa. La bravura delle monache nel preparare questo dolce era tale che nel periodo pasquale dovevano confezionarne in grandi quantità per l' aristocrazia  e la ricca borghesia.(web)
Ogni famiglia napoletana possiede "l'autentica o la migliore" ricetta della pastiera, le varianti sono tantissime.
C'è chi unisce alla ricotta le semplici uova sbattute, chi la crema pasticcera, chi trita il grano e chi lo mette intero, come nella ricetta tradizionale, chi frulla i canditi e chi li mette a pezzetti, ma sempre la pastiera va preparata non oltre il giovedì o il Venerdì Santo per fare in modo che gli aromi si fondano creando quel sapore armonioso e inconfondibile.
Non ho origini partenopee nè sono in possesso della ricetta di famiglia  ma faccio sempre questo splendido dolce nel periodo pasquale. Le ricette a cui inizialmente ho fatto  riferimento sono quelle dell'Associazione Pasticceri Napoletani e dell'ICIF,  ho dato un' occhiata anche ai blog amici, ma ho apportato delle modifiche.... non me ne vogliano però nè  i cuochi e nè gli amici napoletani!

Ingredienti per due teglie da 26  e 28 cm di diametro
per la pasta frolla
600 g di farina 00
300 g di burro
2     uova
200 g di zucchero
buccia grattugiata di un limone
1 pizzico di sale
3     g di lievito chimico

per il ripieno
700 g di ricotta  di pecora
560 g di grano cotto
300 g di latte
300 g di zucchero
5     uova
150 g di arancia candita
70   g di cedro candito
2     g di sale 
1     g di essenza di fiori di arancio
1/2 stecca di vaniglia
buccia grattugiata di un limone

procedimento
per la frolla
In planetaria lavorare con la foglia  il burro (temperatura 10°C) con la farina, la buccia del limone, il sale e il lievito fino ad ottenere un composto non compatto ma "sabbioso"; unire lo zucchero, le uova e impastare brevemente fino ad ottenere un composto omogeneo. Far riposare in frigorifero, avvolto nella pellicola, per almeno 30 minuti prima di utilizzare.
per il ripieno
In un pentola far cuocere il grano con il latte, la buccia del limone e una noce di burro fino a che diventi una crema; mescolare di tanto in tanto facendo attenzione che non si attacchi. Far raffreddare.
Nel frattempo setacciare la ricotta unire lo zucchero e mescolare bene; aggiungere le uova sbattute, i canditi tagliati a piccoli cubetti, il sale, l'essenza , il grano ormai freddo, i semini della vaniglia e amalgamare bene il composto. ( Ho ridotto la quantità dello zucchero di 1/3,  in media erano circa 450 g)
 Foderare le tortiere precedentemente imburrate e infarinate (o coperte con carta forno) con un disco di pasta frolla di uno spessore di 4-5 mm ricoprendo anche i bordi (usare circa 3/4 di frolla, il resto servirà  per la griglia). Bucherellare con i rebbi di una forchetta e distribuire il ripieno in modo omogeneo, livellandolo con una spatola. Stendere la pasta frolla avanzata, ricavare delle strisce con la rotella dentata e formare la griglia.
Cuocere in forno caldo  a 170° per circa 80-90 minuti.
Far raffreddare e spolverare con zucchero a velo.


Con questa ricetta partecipo al contest di Dana Una dolce Pasqua

Il nuovo contest
e partecipo al3birthday giveaway de la banda dei broccoli

                                         

54 commenti:

  1. E sì, le monache ne sanno una più del diavolo! :)
    L'aspetto è ottimo, la inserisco subito.
    A presto!

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo la storia della pastiera né ho mai avuto ancora il coraggio di farla ma la trovo un dolce fantastico. E le tue hanno un aspetto magnifico, sembra di sentirne il profumo attraverso lo schermo. Secondo me gli amici napoletani non possono che farti i complimenti così come te li faccio io, sentiti e sinceri :) Un abbraccio e tanti auguri di buona Pasqua ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che tu non abbia proprio nessun problema a farla, ho visto la tua colomba!
      Un abbraccio e Buona Pasqua.

      Elimina
  3. Che meraviglia ti e' venuta benissimo.Grazie cara per queste informazioni sull' origine di questo dolce stupendo.Baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' venuta molto buona, almeno per noi!
      Un bacio!

      Elimina
  4. Complimenti ammazza!!!! l'avrei voluta fare anche io quest'anno.. ma alla fine a Pasqua saremo solo in 3.. e a Pasquetta saremo fuori per pranzo.. così.. è inutile farla... Buonissime le tue.. bacioni :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Claudia! Meglio mangiarla quando si è in tanti perchè non si resiste ed è bella calorica! Baci!

      Elimina
  5. Non ho mai assaggiato la pastiera, deve essere buonissima! La tua è stupenda. Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Any, sì è un dolce molto buono e a noi piace molto!

      Elimina
  6. Brava Cadè hai inserito anche le origini di questo dolce così buono che viene tramandato da generazione in generazione con ricette così varie e segretissime! La tua versione è simile alla mia, preferisco le uova alla crema e non frullare il grano, penso di avere assaggiato tutte le varianti ritornando sempre alla stessa! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace con il grano intero perchè si fondono i sapori ma le consistenze sono diverse. Un bacio.

      Elimina
  7. amo la pastiera!!! :)
    PASSA A TROVARMI SE TI VA

    http://muchoney.blogspot.it/

    RispondiElimina
  8. Pastiera = casa! Purtroppo quest'anno non scendo in campania per Pasqua ma mia madre me la SPEDISCE! Lo so che era l'anno giusto per farmela da sola, ma è TRADIZIONE che la faccia lei :D
    Bacioni e se non ci scriviamo prima: BUONA PASQUA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E chissà come sarà buona!!! un abbraccio e Buona Pasqua

      Elimina
  9. prima di tutto cara cadè ti faccio gli auguri di Pasqua e poi ti faccio i complimenti per questa pastiera da manuale..Io l'adoro anche se devo ammettere che non ho ancora provato a farla da sola..saprò dove cercare la ricetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona, sei davvero gentile! Auguri anche a te per una serena Pasqua.

      Elimina
  10. Che belle che sono..quest'anno vorrei provare a prepararla anche io la pastiera..ma con un ripieno un pochino diverso :)
    Le tue sono splendide ! Che gran voglia di assaggiarle !
    Un abbraccio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie M4ry, saranno sicuramente ottime le tue, sono curiosa di vederle! Ti abbraccio.

      Elimina
  11. La tua pastiera è meravigliosa, mi pare veramente che sia perfetta! E' un dolce in cui non mi sono mai cimentata, sono troppo poco ligia al seguire gli ingredienti per far si che mi venga bene!
    Un abbraccione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In pasticceria un pò di rigore ci vuole in effetti, qui anche io non sono stata ligia! Un bacione!

      Elimina
  12. ciao Cadè
    anche io oggi mi sto cimentando nella sua preparazione.
    Ti spiacerebbe dirmi il diametro delle due teglie? ^_^
    spero tu possa rispondermi presto anche su fb...la frolla è già in frigo.
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami, ho visto solo ora! Una è di 28 a bordi dritti e l'altra e svasat , 28 sopra e 25 sotto!

      Elimina
  13. mmmbuona la pastiera :D
    grazie per aver partecipato
    in bocca al lupo

    RispondiElimina
  14. Oh cara.. di pastiere ce ne sono milioni di versioni e la tua è splendida!! :D Bellissimo leggerti e meravigliosa la tua pastiera! <3 <3 Il mio ragazzo è napoletano e credo proprio che ti farebbe un bell'applauso :) TVB!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Ely, mi farebbe proprio piacere se anche un napoletano approvasse la mia pastiera! Un bacio

      Elimina
  15. A me sembra perfetta, sarà per quel tocco di tuo che ci hai messo???
    Un bacio!

    RispondiElimina
  16. Le pastiere sono un ricordo lontano, cara Cadè .. Ne prenderei volentieri una fetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisognerebbe pensare a delle alternative ma in questo caso credo sia un pò difficile!

      Elimina
  17. Ma bravissima!!!!! io non sono un'amante della pastiera e non l'ho mai fatta ma a vedere la tua mi vien proprio voglia di ricredermi!!!! un bacione e buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anni fa anche io la sottovalutavo, ora non le resisto!
      Un bacione!

      Elimina
  18. Lo sai che è un dolce che non ho mai preparato? Devo ammettere che guardando questa bontà mi è venuta quasi voglia di provarci, ha un aspetto eccezionale, bravissima!!!
    Un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alessia, so che lo faresti molto bene!
      Un bacione!

      Elimina
  19. Meravigliosa la tua pastiera, bravissima Cadè!!!!

    RispondiElimina
  20. La pastiera è davvero eccezionale ma farla bene è complicato,,,la tua è favolosa complimenti ciao e buona serata Lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Lia! Non è difficile, l'importante è trovare la ricetta giusta!
      Ciao e a presto.

      Elimina
  21. ma che brava! ciao cara, piacere io mi chiamo Vanna,e sono felice di essere passata da te! trovo il tuo blog molto interessante e quindi mi sono unita, se ti va di venire da me mi fa molto piacere, a presto! http://ledeliziedivanna.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Vanna e piacere di conoscerti! Grazie, sono passata e anch'io mi sono unita ai tuoi lettori. Ciao e a presto.

      Elimina
  22. Ti è venuta davvero bene, bravissima!!
    Ieri ne ho fatte due anche io ma con un ripieno un pò diverso!!
    Un bacione e buona Pasqua
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carmen, sono curiosissima di vedere il tuo ripieno, lo pubblicherai, vero?
      Un bacio e Buona Pasqua.

      Elimina
  23. Candida ma che meravigliosa pastiera che ci hai regalato! un must che non può mancare sulle tavole di pasqua.. davvero complimenti di cuore... quest'anno per mancanza di tempo non l'ho preparata.. mi gusto le vostre splendide creazioni:) un abbraccio e Buona Pasqua:**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cara Simona! Hai preparato altre delizie però!
      Un abbraccio e Buona Pasqua.

      Elimina
  24. Ciao! Cercavo una ricetta della pastiera e sono capitata qui! Complimenti la tua sembra davvero deliziosa! :)

    RispondiElimina
  25. ci credi che non ho mai provato a farla??!?!?!? adesso mi fido della tua ricetta quindi me la aggiudico! grazie mille e buona pasqua

    RispondiElimina
  26. Che belle pastiere hai preparato, bravissima!!! Gioia per gli occhi e per il palato!!!
    Tantissimi Auguri di Buona Pasqua a te e famiglia!!!!

    RispondiElimina
  27. Quest'anno per me niente pastiere e , così, me le vado a mangiare dalla mia mamma!
    Le tue sono perfette, anche io seguo una ricetta molto simile e non rinuncio mai all'acqua di fiori d'arancio, la pastiera deve profumare in quel modo, per me.

    Auguri di buona Pasqua e di bei giorni sereni

    baci

    RispondiElimina
  28. E' veramente perfetta, complimenti!

    RispondiElimina
  29. Semplicemente meravigliosa!!! Complimenti e auguri di buona Pasqua

    RispondiElimina
  30. La pastiera napoletna, l'ho vista oggi in pasticceria, niente da invidiare alla tua :)

    Tanti auguri di Buona Pasqua!
    Ti aspetto nel mio Blog con un imperdibile Contest!
    Un abbraccio
    Miky

    RispondiElimina
  31. Ebbene si provo invidia primo perché una bella fetta adesso me la mangerei volentieri
    Secondo perché non l'ho mai fatta e ho idea che sia difficile...
    Un bacione

    RispondiElimina