mercoledì 6 marzo 2013

Pasta e broccoli in brodo di arzilla

Ho la fortuna di avere un marito a cui piace cucinare e che lo fa anche piuttosto bene.  Ci capita a volte addirittura di sgomitare in cucina per crearci il nostro spazio. Ama molto la cucina romana e molte sue specialità ne fanno parte, come la ricetta di oggi.  E' un piatto storico e, credetemi, è  veramente buono. E' profumato,  saporito mentre  la carne di arzilla è delicata  e tenera. Che cos'è l'arzilla? E' un pesce , meglio conosciuto come  razza,  di forma romboidale e privo di lische, ha solo cartilagini. Una volta veniva usata nella cucina popolare romana anche per il suo basso costo ed è il protagonista di questo piatto insieme al   broccolo che deve essere rigorosamente il romanesco.


Ingredienti per 4 persone
 
1 arzilla da 1 Kg
1 broccolo romanesco da 800 gr.
1 carota
2 coste di sedano
1 cipolla
1 spicchio di aglio
6 pomodorini pachino ben maturi
1 ciuffo di prezzemolo
1 peperoncino rosso piccolo
200 gr di spaghetti spezzati

Procedimento
 
In una pentola versate circa 3 lt di acqua, aggiungete la carota, il sedano, la cipolla, lo spicchio di aglio, i pomodorini (spaccateli in due), il prezzemolo (compresi i gambi) e il peperoncino. Fate bollire a fuoco lento per circo 30 minuti.
Nel frattempo spellate l'arzilla, evisceratela, sciacquatela  molta bene e dividetela in due per la sua lunghezza. Passati i 30 minuti mettetela in pentola insieme alle verdure e fatela bollire per 20 minuti.
Passato il tempo togliete il pesce dal brodo, recuperate la carne dalle ali, togliendo la cartilagine, e mettetela in un piatto.La carcassa del pesce, comprese le cartilaggini,vanno rimesse in pentola insieme al brodo e fatte bollire, sempre a fuoco lento, per un'altra mezzora.

A questo punto pulite il broccolo separando tutte le cimette che metterete a soffriggere  in una pentola  con 3 cucchiai di olio ed uno spicchio di aglio .  Quando si sentira’ un buon profumino di soffritto, cominciate ad aggiungere, filtrandolo con un passino fitto, il brodo di cottura, rimestando lentamente per altri cinque minuti. La quantita’ di brodo dipende dai vostri gusti.
Un momento prima di buttare la pasta, aggiungete  una manciata di  carne di arzilla spezzettandola con una forchetta.
L’arzilla che non userete per la pasta, condita con olio, limone, prezzemolo e una spolveratina di pepe nero, sara’ un ottimo secondo piatto.  


44 commenti:

  1. Si.. so cosa vuol dire spartirsi la cucina.. anche il mio fidanzato è bravissimo.. e molte ricette del mio blog son cucinate da lui! Ottima sta zuppa.. con razza e broccolo romano.. ne immagino il sapore! Complimenti davvero.. mai avrei pensato a un simile abbinamento.. anzi.. mi rendo conto che non ho mai fatto una minestra con del pesce! smackkk

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto della sua attiva partecipazione e ho notato che è bravo! La zuppa è buona e pensa che io non amo il brodo di pesce, ma questo è un'altra cosa.
      Baci!

      Elimina
  2. Buonissimo un piatto che ho sempre voluto preparare.Grazie della ricetta cara.Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te cara Veronica.
      Un bacione.

      Elimina
  3. Il mio di marito, il povero Assistente, vorrebbe tanto avvicinarsi alla cucina ma una certa strega glielo impedisce... :P
    Gli farò con piacere questa ricetta perchè poverello ogni tanto mi chiede piatti romani ma io non ne conosco e sua madre diciamo che non è una grande cuoca a cui poter chiedere una ricetta...
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certe volte vorrei anch'io che mi lasciasse la cucina tutta per me! Per i piatti romani,se posso essreti utile, chiedi pure!
      Baci

      Elimina
  4. Ammappa che ricetta superfiga! Il mio si diletta più a magnare che a cucinare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, è una soddisfazione pure quella!

      Elimina
  5. Da me altro che sgomitate ai fornelli. La talpa l'unica cosa in cui è maestra è lucidare il piatto meglio della lavastoviglie. Per il resto...è bene stia lontata dai fornelli, è un pericolo pubblico!
    Mi piace molto la razza ma non l'avevo mai sentita chiamare con questo nome. Questa zuppa dev'essere davvero buona, un abbinamento particolare quanto gustoso. E si presenta proprio bene. Un abcio, buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo credo che lucida i piatti , con quello che gli prepari!
      E' buona, è buona! Arzilla è una denominazione regionale, tipica del Lazio.
      Un bacione.

      Elimina
  6. Mio marito ai fornelli?!?!?! Aiutoooo, il giorno dopo bisogna chiamare l'impresa delle pulizie!!!!! Questo piatto è meraviglioso e le foto sono stupende!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! Pensa che il mio rimette tutto a posto, a modo suo però!

      Elimina
  7. Mi sembra di vedere una scena a me abituale perche' anche il mio di marito fa lo stesso essendo un bravissimo cuoco......
    questa tua ricetta mi sembra da rifare subito con l'arzilla cioe' razza che non conoscevo con questo nome poi il cavolo romanesco qui si trova facilmente quindi affare fatto
    A presto ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avere il marito bravo in cucina ha anche i suoi lati positivi però, ti pare?! Arzilla, come dicevo, è la denominazione regionale.
      Un bacio.

      Elimina
  8. Tesoro che zuppa stupenda!! Davvero mi piace da impazzire, anche come è presentata.. e non sapevo che la razza si chiamasse Arzilla! Ti giuro al principio sono rimasta un po' interdetta, chiedendomi cosa fosse.. grandiosa tu e anche il tuo maritino, che ama cucinare come te :D Un abbraccio forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo qui viene chiamata arzilla, per questo non si conosce.
      Grazie anche da parte del maritino che in effetti è proprio bravo.
      Un bacione!

      Elimina
  9. Apprezzo moltissimo gli uomini ai fornelli :)
    Questa zuppa sembra buonissima...anzi, secondo me è buonissima :)
    Un abbraccio e buona serata !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonissima ti assicuro. Lo apprezzo molto anche io, soprattutto quando rientro tardi e l'ultima csa che farei è mettermi a cucinare, nonostante mi piaccia moltissimo!
      Baci.

      Elimina
  10. Ciao Cadè, complimenti questa zuppa mi piace moltissimo, bella anche la presentazione!!!
    Bacioni :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazia cara Ely, presentazione e foto sono mie però!
      Un bacione

      Elimina
  11. L'arzilla è un pesce ottimo, abbinato al broccolo deve dare il meglio di se...complimenti anche per la presentazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cara Annamaria.
      A presto

      Elimina
  12. Leggendo da me, avrai capito che quasi quasi io sto diventando succube dell'ing ai fornelli... Non sapevo cosa fosse l'arzilla, e complimenti sia per la ricetta che per la presentazione... molto chic! Un bascio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sì Patty ho letto, tendono a monopolizzare in effetti!
      Grazie cara anche da parte del maritino.
      Baci!

      Elimina
  13. sembra buonissima mai fatta, ma da provare..
    baci

    RispondiElimina
  14. Ma sei che non sapevo cosa fosse? Grazie a te ho imparato una cosa nuova e pure la pure la ricettina! Sei fantastica ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vaty! Non lo sapevi perchè solo qui ha questo nome.
      Un bacione!

      Elimina
  15. Che fortunata che sei, mio marito si sa fare a stento un uovo fritto!!
    Davvero bella la tua ricetta, deve essere appetitosissima!!
    Bravissima come sempre!!
    Un abbraccio e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con tutte le cose buone che fai perchè deve imparare?
      Grazie e un abbraccio grande.

      Elimina
  16. fortunella!!! :-) lo hai scelto con il lanternino eh?!?!?! non avevo idea che ci fosse un pesce chiamato così! Grazie 1000!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, scelta accurata! Grazie a te e un bacione!

      Elimina
  17. Mio marito durante gli anni di fidanzamento ed il primo di matrimonio cucinava spesso per me ora se glielo chiedo mi dice che lavera' i piatti e tocca sempre a me! Ogni tanto pero' prepara le sue famose lasagne! Adoro gli uomini ai fornelli e questa zuppa non la conoscevo, ma penso di farla al piu' presto un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mica male le lasagne però! Noi abbiamo diversi amici uomini che si dilettano con successo ai fornelli.
      Un bacione

      Elimina
  18. Ottima zuppa! Un pesce novità.
    Complimenti!

    RispondiElimina
  19. un paitto azzeccatissimo, equilibrato... Brava Cadè

    RispondiElimina
  20. Ottima zuppa, che gusto, bravissima Cadè!!!!

    RispondiElimina
  21. Trovo che questo tipo di cavolo oltre ad essere molto buono sia anche bellissimo. Quando lo compro mi fermo a guardarlo sempre con molta attenzione. La tua zuppa sembra favolosa. Bacio grande. eleonora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io rimango sempre affascinata dalla sua incredibile bellezza e perfezione!

      Elimina
  22. Ma questo piatto tipico romano!!
    Mi ci mandi a nozzeeeeeeeeee!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì? Allora ami la cucina romana!

      Elimina