giovedì 14 marzo 2013

Zuppa di Fagioli del Purgatorio


Uno strano nome per questo piatto! Ma il protagonista,  questo fagiolo di piccole dimensioni, è  particolare: non solo ha eccezionali caratteristiche organolettiche ed è ricco di minerali, ma è coltivato senza l'uso di prodotti chimici e la raccolta avviene ancora come si faceva tanto tempo fa... a mano! Anche la separazione del seme da baccello è effettuata a mano, con la battitura! Inoltre, per la sua buccia sottile, non è necessario metterlo in ammollo!!! Possono essere gustati conditi semplicemente con solo buon olio extra vergine di oliva e sale.
"Il suo nome si deve alla secolare tradizione del Pranzo del Purgatorio che si “celebra” ogni anno a Gradoli, (un comune del viterbese, n.d.r.) il Mercoledì delle Ceneri con circa duemila commensali.
Questo pranzo, svolgendosi in un giorno di penitenza doveva essere esclusivamente di magro ed era preparato dalla Confraternita del Purgatorio con le offerte in natura che ricevevano dai cittadini più fortunati per offrirli a quelli più bisognosi. Essendo quindi un paese esclusivamente agricolo, il pranzo era composto da Fagioli, Coregone del Lago di Bolsena, Pane e Bruschette, il tutto condito dall'eccellente Olio Extra Vergine di Oliva di Gradoli ed innaffiato dagli ottimi vini dei Colli Etruschi Viterbesi." (web)

 Ingredienti
500gr di fagioli
1 cipolla media
1 carota
1 costa di sedano
4 pomodori ciliegino
q.b. di sale e pepe


Sciacquare i fagioli (senza  ammollo)e, metterli in una pentola coperti a filo con acqua, aggiungere cipolla carota, sedano e pomodorini. Cuocerli  per circa un'ora con il coperchio appena sollevato e  mantenendo la fiamma bassa . Quando serve aggiungere acqua bollente perchè i fagioli devono sobbollire coperti sempre a filo di acqua. Salare cinque minuti prima della fine della cottura. Servire caldi conditi con olio evo e se piace una macinata di pepe. 


 


30 commenti:

  1. Che nome particolare.. non li conoscevo.. ma adoro fagioli e le zuppe sono ottime!! smackk

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un prodotto tipico di un territorio limitato e in effetti non è molto conosciuto,
      Un abacio!

      Elimina
  2. Hai capito i fagioli del purgatorio ???? Cavoli che bel piatto..adoro i legumi, e li mangio sempre molto volentieri ! Ti abbraccio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi hanno un buon sapore e poi sono sani!
      Un abbraccio

      Elimina
  3. Non li conoscevo! Ma ora devo provarli, non mi posso certo fermare alle nozioni teoriche! Ovviamente mi avvarrò della tua ricetta :D
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No,è necessaria la pratica...nel mangiare!
      Un abbraccio

      Elimina
  4. Mi son sempre chiesta il perchè di questo strano nome ed hai soddisfatto tutta la mia curiosità oltre a suggerirmi un'ottima zuppa per questi fagioli piccini piccini ma tanto buoni :) Un abcio, buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora li conosci!...buoni, vero?
      Baci

      Elimina
  5. Non conoscevo questa varietà di fagioli, da te si impara sempre qualcosa è un piacere leggere i tuoi post un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dana sei veramente gentile, grazie!
      Un abbraccio

      Elimina
  6. Che zuppetta confortante e meravigliosa!! <3 Bravissima, ancora non si riesce a farne a meno.. fa troppo freddino! Un abbraccio di cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già,fa ancora freddo...è presto per un'insalata di fagioli!! Un bacione!

      Elimina
  7. Mhhhh quanto mi piacciono le zuppe di legumi, peccato che mio marito non condivide la mia passione!! Ma io me ne frego e me li faccio solo per me. Grazie della ricetta ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Terry, se ti piacciono perchè rinunciare?

      Elimina
  8. Visto che ancora il freddo non se ne vuole andare, bisogna ancora approfittare di queste bontà: zuppe, minestroni e vellutate!
    La zuppa di fagioli buonissima, ingredienti poveri ma il risultato è eccellente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, l'eccellenza è una caratteristica di molti piatti poveri!

      Elimina
  9. Ma guarda te quante cose non so !!!!!! Questi fagioli mi piacciono un sacco veloci da fare e gustosi !!!
    In più con questa pioggia una buona zuppa ci sta :)
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono tanti prodotti regionali che conoscerli tutti è impossibile!
      Un bacio

      Elimina
  10. che bella al tua spiegazione, interessante!!! adoro i legumi e queste zuppe son sempre apprezzate!!!! ciaooo baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tiziana, i legumi sono fondamentali in una corretta alimentazione.
      Un bacio e a presto!

      Elimina
  11. Una zuppa deliziosa questo tipo di fagioli non li conoscevo.Grazie cara per le utili informazioni.Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I blog hanno anche questo funzione, no?
      Un bacio

      Elimina
  12. Ma che bella zuppa!!!
    Mi hai fatto venire un languorino!!!
    Unn bacione e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carmen tu fai certi piattini che altro che languorino!
      Un bacio

      Elimina
  13. oggi con questo vento polare è perfettissima la tua zuppa! dire che cade a fagiolo! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre simpatica Elena!
      Un bacio

      Elimina
  14. Interessantissima la storia di questi fagioli, mi piacciono! La zuppa, così semplice, mi fa pensare proprio alle zuppe di una volta della nonna. Bravissima, buona giornata. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è molto semplice per esaltare il sapore dei fagioli.
      Un bacione

      Elimina
  15. buonaaaaaa!!!1fantastica zuppa!!!con queste temperature ci stà proprio!!

    RispondiElimina
  16. Grazie per quest'accurata spiegazione:) prendo nota e mi gusto questa splendida zuppa... tra i miei piatti preferiti:) complimenti:* un bacione e buon fine settimana:**

    RispondiElimina